Graziella Green Power


Graziella Green Power SpA (GGP) ha per oggetto sociale la realizzazione di interventi nel campo energetico mirati alla produzione di energia elettrica mediante l’uso sostenibile delle fonti rinnovabili. L’azienda è nata nel 2010 ed in pochi anni ha realizzato e gestito circa 60 MW di impianti fotovoltaici divenendo una compagnia leader nel settore.

 

Questo asset è stato ceduto a Dicembre 2018 con l’obiettivo di realizzare nuovi investimenti nel medesimo settore.

 

GGP è attualmente dedita nella diversificazione delle sue attività, con un impegno continuo nello sviluppo di progetti nei settori geotermico, eolico e delle bioenergie, con l'obiettivo di rafforzare la sua leadership nella produzione di energia da risorse rinnovabili.

 

L'azienda progetta e realizza, nel pieno rispetto delle normative, impianti a minor impatto visivo, dotati delle tecnologie più innovative finalizzate ad un impatto ambientale nullo.

 

L’attuale focus, oltre lo sviluppo di progetti fotovoltaici in grid parity, è la promozione di impianti per la produzione di energia geotermoelettrica con re-iniezione totale dei fluidi senza emissioni gassose e l'uso integrato del calore nei settori civile, agricolo e industriale. All’interno del progetto SUMA, Graziella Green Power ha l’incarico di capofila. È responsabile della definizione dell’architettura e delle funzioni della piattaforma SUMA, della loro integrazione all’interno del sistema, della realizzazione dei dimostratori e della gestione complessiva del progetto.

 

In particolare, si occupa della gestione tecnica e amministrativa del progetto, della progettazione e sviluppo dei servizi della piattaforma dimostratore presso Casa dell’Energia e del progetto e l’implementazione delle logiche di gestione dei flussi energetici, oltre che della disseminazione dei risultati ottenuti.

 

L’interesse di GGP all’interno del progetto è relativo allo sviluppo di sistemi di intelligenza artificiale (AI) per la gestione dei flussi energetici ed alla possibilità di integrare questo tipo di soluzioni nei propri impianti, al fine di renderli regolabili con l’impiego di accumulatori.