Università di Pisa - Dii


Il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione (DII) dell’Università di Pisa (UniPi) è un centro di eccellenza per la ricerca e l’alta formazione nel settore delle tecnologie dell’informazione e delle comunicazioni, la robotica e la bioingegneria. Fanno parte del dipartimento circa 100 docenti e molti ricercatori post-doc. I principali campi di ricerca includono l’elettronica, l’elettromagnetismo applicato, i sistemi per le telecomunicazioni, l’ingegneria informatica, l’automazione e la robotica e l’ingegneria biomedica.

 

Viene svolta anche un’intensa attività di alta formazione per circa 4000 studenti dei corsi di laurea e laurea magistrale e per circa 90 studenti di dottorato. Organizza il master in “Cyber-security” e le scuole estive "Open medical device design" e "Enabling Technologies for the Internet of Things".

 

DII-Unipi è stato promotore di 6 progetti di spin-off e collabora con istituzioni pubbliche e private per fornire soluzioni innovative ai problemi strategici nei diversi settori dell’ICT, per colmare il divario tra ricerca accademica e industriale. Il Dipartimento è coinvolto in molteplici progetti europei, regionali ed in numerose collaborazioni dirette con aziende. Grazie a questa eterogeneità di attività nel 2018 DII-UniPi è stato selezionato dal MIUR come "Dipartimento di eccellenza" con il progetto “CrossLab”, proposto a supporto degli obiettivi dell’azione Industria 4.0, con la creazione di laboratori interdisciplinari aperto alle realtà imprenditoriali.

 

Nel progetto SUMA (Struttura Urbana Multifunzionale Attiva), l’unità di ricerca del DII-UniPi è responsabile delle attività in cui sono definite le specifiche del Sottosistema di generazione, accumulo, conversione ed erogazione al carico, con relative prove sperimentali di prestazioni di sistemi di accumulo per applicazioni stazionarie nei vari dimostratori.

L’interesse di DII-UniPi ed in particolare dell’unità di ricerca che fa capo al laboratorio SEMES (Sistemi Elettronici per Mobilità ed Energia Sostenibile), riguarda le problematiche hardware dei sistemi di accumulo energetico di natura elettrochimica e la gestione ottimale dei flussi di energia presenti in ciascuna piattaforma SUMA.